• Google Art Project
  • Facebook
  • YouTube
  • Flickr
  • Trip advisor
  • Twitter
  • Followgram
  • Pinterest

Guida alla consultazione

Delle parti che componevano la struttura, la Rocca fu, da subito, quella cui venne riservata la maggiore attenzione. Essa fu progettata e realizzata con l’intenzione di sopravvivere all’evento che la generò, uno dei pochi esempi di architettura per le esposizioni studiate e realizzate per essere conservate; contrariamente alle case lungo la via maestra del Borgo, nella maggior parte semplici scenografie vuote al loro interno, la Rocca venne progettata con il “doppio intento di serbare all’interno la distribuzione storica degli appartamenti e di agevolare la circolazione ai visitatori, di modo che tutti potessero aggirarsi per la sale, senza che ne seguisse intoppo o confusione; all’esterno di uniformarsi ai precetti dell’arte militare del tempo”, come scrisse Giacosa nel Catalogo dell’esposizione. Tutto, ancor più che nel villaggio, fu studiato e riprodotto nel minimo dettaglio, con un’attenzione spasmodica al documento originale e alla sua tracciabilità: il Catalogo Ufficiale del 1884 dedica 62 pagine al complesso di case e botteghe sulla riva del fiume, e oltre 100 al Castello, con una descrizione minuziosa di tutti i mobili e le suppellettili (compilata da Pietro Vayra) di 80 pagine. E, se si vuole un’ulteriore testimonianza, basti vedere le cifre investite dal Comune di Torino per l’acquisto del sito: 100.000 £, di cui 50.000 per il castello, 25.000 per il villaggio e 25.000 per “mobili e porte”.
In questa sezione trovate tutti gli oggetti presenti nelle diverse stanze della Rocca, abbinati, ciascuno al suo numero di inventario: contrassegnati dalla lettera “C” l’allestimento originale del museo, gli oggetti risalenti all’epoca dell’Esposizione; con la lettera “A”, invece, quelli introdotti nel percorso espositivo in epoca successiva per implementare l’allestimento.
Con la lettera “P”, infine, sono contrassegnate le decorazioni pittoriche del castello.
Cliccando sulle icone si apriranno le pagine con la catalogazione degli oggetti esposti nelle sale, contenenti le informazioni necessarie per la loro identificazione e descrizione.